03 maggio 2024 #Cile sostenibile #Colonne

Colonna : La Cereza: l'orgoglio del Cile

Impostazioni di accessibilità

Da Claudia Soler, direttore esecutivo del Comitato cileno per le ciliegie da frutto.

Non è un segreto che le ciliegie siano diventate la "lettera di presentazione" del Cile e dei suoi prodotti nei mercati internazionali, soprattutto in Cina, dove sono ricercate per la loro qualità, il loro sapore, la loro forma e il loro colore che, nel contesto del Capodanno cinese, assumono un simbolismo speciale per augurare prosperità e buoni auspici. Un fatto che è stato sottolineato dall'Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Cile quando ha evidenziato che la ciliegia cilena in Cina rappresenta un miracolo, un dono speciale del popolo cileno al popolo cinese. 

Noi cileni siamo orgogliosi dei nostri vini, della nostra Cordigliera delle Ande e del nostro paesaggio, di essere una terra di poeti, di aver vinto l'oro olimpico nel tennis e di tante altre cose, ma ci dimentichiamo di qualcosa di così nazionale e tradizionale come la frutta, e in particolare le ciliegie, che sono state un ambasciatore naturale del Cile nel mondo e una porta d'ingresso per altri prodotti nei mercati internazionali. Lo sviluppo di questa industria è stato notevole, soprattutto nell'ultimo decennio, dove l'implementazione di tecnologie all'avanguardia e di processi produttivi più efficienti e sostenibili hanno permesso al Cile di diventare il principale fornitore di ciliegie al mondo.

La crescente esportazione di ciliegie in Cina ha rafforzato l'immagine del Cile in quel Paese.

Non è qualcosa di cui essere orgogliosi? Certo che lo è, siamo un piccolo Paese situato nella parte più meridionale del mondo, ma nonostante tutto abbiamo raggiunto questo traguardo, che significa anche contributi diretti alle casse dell'erario, nonché la generazione di circa 200.000 posti di lavoro diretti ogni stagione.

E se parliamo della scorsa stagione, ancora una volta il settore ha dimostrato la sua maturità, i suoi sforzi e la sua preoccupazione di consegnare frutta di qualità ai mercati, e soprattutto ai consumatori. Sebbene l'inizio della stagione sia stato impegnativo a causa delle piogge che hanno condizionato la fase di pre-raccolta, stiamo concludendo la stagione con buoni risultati, anche superiori alle aspettative. Con una qualità eccezionale nella maggior parte delle varietà e una gestione efficace dei volumi che hanno raggiunto una cifra simile a quella della stagione precedente, superando le 400 mila tonnellate esportate nel mondo (-0,3% rispetto alla scorsa stagione). La Cina, la nostra principale destinazione, ha stabilito un record con il 3,3% in più di ciliegie ricevute rispetto all'anno precedente.

Claudia Soler ha sottolineato le innovazioni tecnologiche e produttive che il Cile ha apportato all'esportazione di questo frutto, che gli hanno permesso di raggiungere cifre così positive. cifre così positive.

Come industria, stiamo dimostrando chiaramente che le condizioni e la qualità della nostra frutta sono questioni che ci preoccupano e ci impegnano per migliorare lo sviluppo sostenibile del nostro settore in futuro. Il consumatore cinese esige la migliore qualità e ci costringe a impegnarci costantemente per raggiungere il mercato con il prodotto migliore. 

Un altro aspetto fondamentale che ci ha accompagnato in questa stagione è stata la logistica, che ha funzionato bene, con lievi ritardi delle navi, segnando tappe fondamentali come l'arrivo per la prima volta con le navi Cherry Express al porto di Tianjing in Cina, e anche l'arrivo - per la prima volta - con una Cherry Express in India, con un tempo record di 36 giorni e uno scalo. Entrambi i traguardi ci rendono felici perché, da un lato, stiamo diversificando l'arrivo delle nostre ciliegie in Cina e promuovendo un arrivo più diretto nel nord della Cina e in India, che si prevede diventerà la terza economia mondiale entro il 2027. 

Nell'ultima stagione (2023-2024), le esportazioni mondiali hanno raggiunto quasi 690.000 tonnellate, di cui il 52% corrisponde al Cile.

Non posso non menzionare un altro fattore chiave per il successo delle nostre ciliegie: la promozione, che ha contribuito a far conoscere le nostre ciliegie sul mercato e ad aumentarne il consumo. In questa stagione abbiamo lanciato una strategia promozionale triennale, che sarà la nostra tabella di marcia per affrontare gli aumenti di produzione e di esportazione previsti in futuro, oltre che per essere più precisi sul nostro segmento target e su come lavoreremo nelle diverse città della Cina in base al loro grado di maturità, oltre che al ritorno richiesto per ciascuna delle attività svolte. 

Infine, credo sia importante sottolineare che il successo delle nostre ciliegie, oltre a riflettere gli sforzi dei nostri produttori, esportatori, fornitori di prodotti e servizi, nonché dei vari attori della catena logistica, è anche il risultato di un lavoro congiunto tra il settore pubblico e quello privato, in particolare con il Ministero dell'Agricoltura e il Servizio per l'Agricoltura e il Bestiame, che ci ha permesso di gestire in modo ottimale le questioni fitosanitarie e le aperture del mercato. È importante anche la collaborazione con ProChile e Fundación Imagen de Chile, con cui cerchiamo di promuovere la frutta cilena e l'immagine del Cile come fornitore di prodotti di alta qualità, sicuri e sostenibili. E con cui speriamo di continuare a promuovere la frutta cilena, in particolare le ciliegie, come prodotti di cui essere orgogliosi in quanto cileni.

Altre notizie correlate
05 giugno 2024 #CileDiverso #CileGlobale #CileSostenibile #CileColumns
08 marzo 2024 #CileDiverso #Colonne
01 marzo 2024 #CileGlobal #Colonne

Newsletter

Immagine del Cile