15 febbraio 2024 #Cile sostenibile

Le ciliegie del Cile corrono verso il Capodanno cinese

Impostazioni di accessibilità

Gli esportatori applicano pratiche sostenibili alle colture, come l'irrigazione tecnologizzata dei ciliegi, la generazione di energia attraverso impianti fotovoltaici e l'uso di tecnologie avanzate per garantire la rigogliosità dei ciliegi durante il loro lungo viaggio verso l'Asia.

Quest'anno, gli esportatori e le compagnie di navigazione hanno concordato per la quinta volta rotte più dirette con le navi "Cherry Express", che hanno ridotto la durata del viaggio da 28 a 22 giorni. È stata anche aperta una rotta diretta verso il porto di Tianjin per una migliore distribuzione nel nord.

La ciliegia cilena è diventata la protagonista delle celebrazioni del Capodanno cinese. La festa, che si celebra il 10 febbraio, in pieno inverno in quel Paese, vede le nostre ciliegie come regalo di lusso per parenti e amici, poiché nel Paese asiatico sono considerate un simbolo di prosperità e fortuna. Il frutto cileno è atteso con impazienza dai consumatori e sui social network vengono organizzate anche vendite speciali.

Per soddisfare questa enorme domanda e gli standard di qualità richiesti dai consumatori cinesi, l'industria cilena ha incorporato tecnologie avanzate e una gestione sostenibile delle colture attraverso l'irrigazione tecnologica. Un'altra espressione di questo processo di innovazione si trova nella regione di O'Higgins, nella tenuta di Quilamuta, dove le energie rinnovabili sono state incorporate attraverso il più grande impianto fotovoltaico galleggiante del Sud America su terreni agricoli. 

"Quello che succede con le ciliegie, e con la frutta in generale, è che si tratta di un prodotto altamente deperibile, e ogni minuto di tempo di trasporto è importante", ha spiegato Iván Marambio, presidente di Frutas de Chile. Per questo motivo, si sta cercando di ridurre i tempi di trasporto incorporando tecnologie all'avanguardia. "Negli impianti di confezionamento, le linee di lavorazione sono computerizzate e selezionano i frutti in base alle dimensioni, al colore e alla presenza o meno di difetti", ha spiegato Claudia Soler, direttore esecutivo del comitato ciliegie di Frutas de Chile. Inoltre, le ciliegie vengono confezionate in sacchetti ad atmosfera, che le mantengono fresche durante il viaggio. Poi, nei camion e nelle navi, vengono utilizzati contenitori refrigerati, creati appositamente per trasportare frutti deperibili che necessitano di una temperatura a zero gradi.

Rodrigo Galleguillos, direttore generale del San Antonio Terminal Internacional (STI), ha spiegato che si prevede di movimentare "più di 8.300 container refrigerati di ciliegie in questa stagione, con due o tre servizi espressi settimanali". I camion entrano nel terminal in meno di 20 minuti e vengono rapidamente collegati all'elettricità per non perdere la catena del freddo. "La normale permanenza di un container per l'esportazione nel porto è di cinque giorni, ma nel caso delle ciliegie si riduce a una media di due giorni", ha aggiunto.

Quest'anno, gli esportatori e le compagnie di navigazione hanno concordato per la quinta volta rotte più dirette con le navi "Cherry Express", che hanno ridotto il tempo di viaggio da 28 a 22 giorni. È stata anche inaugurata una rotta diretta verso il porto di Tianjin per una migliore distribuzione nel nord del Paese. Secondo i dati dell'associazione Frutas de Chile, fino alla quarta settimana del 2024, il Cile ha inviato 368.490 tonnellate di ciliegie fresche al mercato asiatico, una cifra che si prevede verrà superata quest'anno.

Circa il 90% della produzione cilena di ciliegie viene esportata in Cina, il che nella scorsa stagione ha comportato la spedizione di 83 milioni di scatole da cinque chili, equivalenti a 415.398 tonnellate, con un ritorno di 2 miliardi di dollari. Iván Marambio ha sottolineato che "la ciliegia è il prodotto che si è sviluppato di più negli ultimi quindici anni, quindi è l'immagine del Cile. La sfida per l'industria ora è continuare a crescere, ma mantenendo la stessa qualità".

Dalla Fundación Imagen de Chile, la direttrice esecutiva, Rossana Dresdner, ha sottolineato che "proprio come l'industria del vino, gli esportatori di ciliegie hanno lavorato per anni per posizionare l'origine dei loro prodotti sui mercati internazionali. Un frutto che oggi è riconosciuto per l'immenso valore aggiunto che comporta una produzione sostenibile e l'incorporazione di importanti progressi tecnologici".

Altre notizie correlate
03 maggio 2024 #Cile sostenibile
03 maggio 2024 #Cile sostenibile #Colonne

Newsletter

Immagine del Cile