08 luglio 2024 #CileSostenibile

Anahí Urquiza, membro del Comitato strategico di H2V: "Il Cile trasmette un'immagine attraente per lo sviluppo della transizione energetica".

Impostazioni di accessibilità

Secondo il World Economic Forum, il nostro Paese è uno dei 20 paesi meglio preparati alla transizione energetica. Anahí Urquiza, accademica dell'Università del Cile e ricercatrice del Centro per la scienza del clima e la resilienza, spiega le ragioni di questi progressi e le sfide attuali.

Con un salto di 10 posizioni, il Cile si colloca tra i 20 Paesi meglio preparati alla transizione energetica (20°), secondo l'Energy Transition Index (ETI) condotto ogni anno dal World Economic Forum.

L'ETI mette a confronto 120 Paesi in base alle prestazioni attuali del loro sistema energetico e al grado di preparazione dei loro ambienti; nella regione, il Cile è superato solo dal Brasile, che si colloca al 12° posto. La Svezia guida la classifica e nell'ultimo decennio solo 30 Paesi hanno mostrato progressi superiori al 10%. 

Il Cile ha scalato 10 posizioni nella classifica rispetto al 2023. Quest'anno si è classificato al 20° posto nel mondo.

Il rapporto sostiene che la mancanza di progressi coerenti ed equilibrati evidenzia la sfida che molti Paesi devono affrontare, a causa di paesaggi macroeconomici sempre più complessi e tensioni geopolitiche. In questo senso, abbiamo voluto indagare quali condizioni hanno permesso al Cile di fare progressi su questo indicatore.

"L'impegno trasversale per la decarbonizzazione della matrice energetica, lo sviluppo di orientamenti strategici a lungo termine e la capacità di innovazione hanno permesso al Paese di avanzare sistematicamente nella transizione energetica", afferma Anahí Urquiza, accademica dell'Università del Cile, ricercatrice presso il Centro per la scienza del clima e la resilienza e membro del Comitato strategico per l'idrogeno verde, che sottolinea anche la collaborazione tra pubblico e privato: "Sono questi sforzi di collaborazione che hanno permesso al Paese di avanzare nella transizione energetica.

Il Cile ha compiuto progressi costanti nell'Indice di transizione energetica del World Economic Forum. Secondo lei, quali sono i principali fattori che hanno permesso questo risultato? 

Il nostro Paese presenta condizioni geografiche molto favorevoli per la generazione di energie rinnovabili. Sole, vento, acqua e geotermia ci permettono di avere un'ampia gamma di questo tipo di generazione su tutto il territorio nazionale. Allo stesso tempo, l'impegno trasversale per la decarbonizzazione della matrice energetica, lo sviluppo di linee guida strategiche a lungo termine e la capacità di innovazione hanno permesso al Paese di avanzare sistematicamente nella transizione energetica.

Che ruolo ha avuto la collaborazione tra pubblico e privato? 

In Cile sono stati sviluppati diversi spazi di collaborazione pubblico-privato che hanno permesso di articolare gli attori rilevanti nei diversi settori, generare reti di lavoro, fiducia e dialogo per costruire orizzonti comuni. Il processo di pianificazione Energy2050 è stato fondamentale in questo senso. Sono questi sforzi di collaborazione che hanno permesso di compiere progressi nella transizione energetica, in un contesto in cui, se lo Stato fosse da solo, la capacità di pianificazione sarebbe limitata. 

Negli ultimi anni si è assistito a un aumento dei progetti di energia pulita. Che ruolo strategico ha il nostro Paese in questa sfida globale? Quale immagine trasmette il Cile al mondo?

Il Cile trasmette un'immagine attraente per la transizione energetica, sia per il suo potenziale di generazione che per la sua stabilità istituzionale. Allo stesso tempo, si è posizionato come possibile produttore di energie rinnovabili per l'esportazione, sia attraverso la generazione di energie rinnovabili non convenzionali che di altri tipi di combustibili prodotti dall'idrogeno verde. Tuttavia, ci sono anche dei limiti dovuti ai conflitti nei territori, alle limitazioni negli investimenti a lungo termine e alle difficoltà di connettività. Indubbiamente, questi sono tutti aspetti che potrebbero essere affrontati se fossimo in grado di sviluppare una migliore pianificazione territoriale e maggiori investimenti negli sviluppi tecnologici a livello nazionale. 

Quali sono i settori attualmente più preparati in Cile ad affrontare la transizione energetica? 

Oggi il settore minerario ha compiuto progressi significativi. È sempre più frequente che l'attività mineraria produca la propria energia o promuova lo sviluppo di energie rinnovabili per il proprio consumo. Ciò ha ridotto la domanda di trasmissione, ma allo stesso tempo ha posizionato l'attività mineraria nel campo della sostenibilità. 

Svezia, Danimarca e Finlandia sono in testa a questa classifica: cosa può imparare il Cile da questi paesi per quanto riguarda la sua capacità di produzione di energia pulita?

Sono tre gli elementi chiave che dovremmo imparare da loro: investimenti a lungo termine in infrastrutture abilitanti, promozione dello sviluppo tecnologico e creazione di quadri normativi che affrontino le diverse aree del settore (generazione, trasmissione, distribuzione), dando fiducia ai diversi attori del sistema. L'aspetto più importante di questi sforzi è che promuovono anche il disaccoppiamento tra sviluppo economico e consumo energetico, riducendo l'intensità energetica e ottenendo un uso più efficiente delle risorse. Sebbene il Cile non abbia le stesse condizioni economiche, istituzionali e tecnologiche, disponiamo di molteplici risorse per avanzare in questa direzione. Dobbiamo affrontare le sfide che ci attendono concentrandoci su una transizione equa, proteggendo i territori e i cittadini in questo processo.

Tag

Newsletter

Immagine del Cile