22 aprile 2024 #Cile sostenibile

Giornata della Terra: quattro impegni cileni per la cura del pianeta

Impostazioni di accessibilità
Eliche eoliche situate nella Regione di Coquimbo

L'aumento dell'uso delle energie rinnovabili, la legislazione sulla mitigazione dei cambiamenti climatici e gli accordi internazionali sulla protezione degli oceani sono alcune delle iniziative su cui il Paese sta lavorando da anni.

Così, il 22 aprile 1970, il senatore democratico Gaylord Nelson organizzò un'imponente manifestazione con l'obiettivo di sensibilizzare l'ambiente, soprattutto nel settore dell'istruzione. Ma solo nel 2009, quasi 40 anni dopo, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite proclamò questa data come Giornata Internazionale della Madre Terra, un omaggio alla cura del pianeta e delle sue risorse naturali.

Ciclisti sulle piste ciclabili del Parque Forestal, Santiago, Regione Metropolitana.

Uno dei principali impegni attuali del Cile è la cura dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile. In occasione della Giornata della Terra, presentiamo quattro esempi di ciò che il nostro Paese sta facendo per affrontare questa sfida globale:

63% di energia generata da fonti rinnovabili nel 2023

Secondo le misurazioni del Coordinatore nazionale dell'energia elettrica, entro la fine del 2023 si registrerà una significativa riduzione delle emissioni di CO2. La generazione termica a carbone è diminuita del 27% lo scorso anno, grazie alla crescita della generazione idroelettrica, solare ed eolica. Allo stesso modo, nel 2023 il 63% dell'energia del Sistema Elettrico Nazionale sarà generato da fonti rinnovabili.  

Uno dei principali pilastri per raggiungere la neutralità di carbonio è passare a una matrice energetica pulita e allontanarsi dai combustibili fossili, per questo il Cile ha proposto di chiudere progressivamente le centrali elettriche a carbone e aumentare la costruzione di impianti di energia rinnovabile non convenzionale entro il 2040.

Impianto fotovoltaico situato nella regione di Antofagasta.

Legge quadro sui cambiamenti climatici

Emanata nel giugno 2022, è la prima legge di questo tipo in America Latina. Stabilisce, tra le altre misure, l'obiettivo della neutralità del carbonio entro il 2050 al più tardi, e di ridurre la vulnerabilità e aumentare la resilienza del Paese agli effetti negativi del cambiamento climatico. La legge crea un quadro giuridico affinché il Cile possa affrontare questa crisi globale in termini di mitigazione e adattamento, con una visione a lungo termine. A tal fine, formalizza il quadro istituzionale esistente, definendo responsabilità e obblighi per 13 ministeri e per tutte le regioni e i comuni del Paese.

Agenda 2030

Nel 2015, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato l'Agenda 2030, che costituisce il programma globale di sviluppo sostenibile per i prossimi 15 anni, con 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e 169 target. Il Cile, uno dei 193 Stati firmatari, ha sviluppato l'asse di lavoro "Planet" per conformarsi all'Agenda. Nell'ambito delle misure di mitigazione del cambiamento climatico, il nostro Paese ha sviluppato, ad esempio, i Piani di decontaminazione atmosferica, che sono lo strumento per avanzare nella riduzione dell'inquinamento nelle aree latenti o sature con alte concentrazioni. 

Ha inoltre stabilito misure per la protezione della vita sottomarina e terrestre, per la promozione di città sostenibili e per un consumo e una produzione responsabili, tra le altre misure.

BBNJ: un passo storico per la protezione degli oceani

Il Cile è il primo Paese delle Americhe e il secondo al mondo a firmare e ratificare l'Accordo sulla conservazione e l'uso sostenibile della biodiversità marina al di là delle giurisdizioni nazionali (BBNJ), un tassello fondamentale del sistema di governance globale degli oceani, al quale il Cile, con oltre 4.000 km di coste, partecipa attivamente.

Con questo trattato, uno degli obiettivi principali è la conservazione della ricca fauna marina del nostro Paese.

L'oceano copre più del 70% della superficie del pianeta e solo l'1% della superficie oceanica è protetta. Il trattato BBNJ introduce una regolamentazione delle risorse genetiche marine in alto mare, un'equa ripartizione dei benefici, meccanismi per la creazione di aree marine protette, l'attuazione di valutazioni di impatto ambientale, il rafforzamento delle capacità e il trasferimento di tecnologie ai Paesi in via di sviluppo.

Altre notizie correlate
03 maggio 2024 #Cile sostenibile
03 maggio 2024 #Cile sostenibile #Colonne

Newsletter

Immagine del Cile