11 maggio 2024 #CileDiverso

Giornata degli uccelli migratori: "Siamo uno dei pochi Paesi al mondo ad avere un quadro nazionale per la loro conservazione".

Impostazioni di accessibilità

Questo sabato, 11 maggio, ricorre la giornata internazionale di queste specie, indicatori naturali della salute degli ecosistemi. Il nostro Paese è stato il primo in America Latina a sviluppare una strategia nazionale per la loro conservazione.

Il Cile ospita 528 specie di uccelli, che rappresentano il 5% delle specie di uccelli del mondo. Di queste, 12 sono endemiche: nove nel Cile continentale e tre nell'arcipelago Juan Fernández. Nonostante non sia un Paese particolarmente rinomato per la sua diversità avifaunistica, molti degli uccelli che lo abitano esistono solo nel nostro territorio.

"Immaginate che in un Paese così grande e diversificato, con sfide ambientali, sociali ed economiche, siamo riusciti a posizionare la conservazione degli uccelli come un aspetto prioritario dell'agenda ambientale nazionale. Siamo uno dei pochi Paesi al mondo ad avere un quadro nazionale per la conservazione degli uccelli", afferma Javiera Ferreyra, direttore di Audubon Americas per il Cile, un'organizzazione statunitense per la conservazione della natura.

Specie riconosciute come l'emblematico Siete colores, la Loica, la Bandurria, il Carpintero, il Picaflor de Juan Fernández, tra le tante, sono esempi di uccelli che il nostro Paese ospita durante tutto l'anno. Ci sono anche uccelli che trovano nel Cile una meta fondamentale per la loro sopravvivenza, come il Chiurlo dritto, che percorre quasi 15.000 km solo per raggiungere Chiloé, in quanto è l'unico posto dove può trovare il cibo di cui ha bisogno. "Non è una responsabilità e un ruolo da poco quello che abbiamo come Paese, che ha il compito di garantire oltre il 50% della popolazione mondiale di questa specie. Ad esempio, uno solo degli oltre 20 siti dell'arcipelago di Chiloé, una piccola baia, può ospitare 9.000 esemplari di chiurlo dritto", afferma Ferreyra.

Specie sentinella: sensori del cambiamento climatico

Gli uccelli sono un indicatore della salute degli ecosistemi e un sensore naturale dei cambiamenti climatici. Come specie sentinella, gli uccelli non solo aiutano a monitorare sistemi naturali complessi, ma anche a rilevare precocemente le minacce a questi ecosistemi.

Gli uccelli svolgono un ruolo importante anche per il benessere umano. Ad esempio, due terzi della flora legnosa dal Cile centro-meridionale a Capo Horn sono dispersi dagli uccelli. Negli ambienti costieri, gli uccelli che nidificano in colonie svolgono un ruolo molto importante nella ciclicità dei nutrienti, come azoto e fosforo, che arricchisce gli ecosistemi in termini di biodiversità.

Nel territorio cileno si trova una grande varietà di fauna aviaria.

"Gli uccelli sono specie ombrello, il che significa che se concentriamo i nostri sforzi di conservazione su di loro, proteggeremo direttamente o indirettamente tutti quei valori naturali, culturali, sociali ed economici che habitat di uccelli sani forniscono, il che è indispensabile per affrontare la triplice crisi ambientale: clima, perdita di biodiversità e inquinamento", afferma Ferreyra.

Tuttavia, di tutte le specie che popolano il Paese, 115 (22%) sono minacciate a livello nazionale o globale e quasi. Questa situazione richiede programmi e politiche urgenti per la conservazione e la protezione degli uccelli cileni. Per questo motivo, oggi il nostro Paese dà priorità alla cura e alla protezione degli uccelli attraverso diversi progetti ai quali collaborano il settore pubblico e quello privato. 

Strategia nazionale di conservazione degli uccelli in Cile

Il 2024 ha segnato il secondo anniversario del lancio ufficiale della Strategia nazionale di conservazione degli uccelli in Cile (ENCAChile), in cui 25 istituzioni stanno lavorando per garantirne il finanziamento e l'attuazione. È stata la prima in America Latina, seguita da Colombia e Messico.

La Strategia mira a guidare le azioni per controllare, mitigare e/o sradicare le minacce agli uccelli cileni e ai loro habitat, nonché a generare le condizioni necessarie per la loro conservazione. "Questo è il quadro che ci permette di affrontare le principali minacce per gli uccelli nel nostro Paese e nel mondo. Vale la pena notare che stiamo parlando del mondo e non solo del Cile, poiché questo Paese è un luogo chiave a livello globale per garantire popolazioni vitali di uccelli migratori costieri e marini, e anche per la conservazione del 41% degli uccelli delle foreste temperate del Sud America, che si trovano solo qui", afferma Ferreyra.

La Strategia nazionale per la conservazione degli uccelli è stata pioniera nella regione.

Tra i risultati raggiunti a due anni dall'attuazione della strategia vi sono la creazione di un programma nazionale di monitoraggio degli uccelli, l'identificazione e la prioritizzazione di siti importanti per gli uccelli marini e costieri, relazioni con osservazioni e suggerimenti per lo sviluppo sostenibile dell'energia eolica in Cile, un'analisi di mercato del turismo ornitologico in Cile, un piano d'azione per la conservazione degli uccelli costieri in Cile, e molti altri.

Newsletter

Immagine del Cile