09 aprile 2024 #CileDiverso #CileSostenibile

Chiloé: cultura, natura e sostenibilità

Impostazioni di accessibilità

L'Autostrada Panamericana, o Route 5, che attraversa il Cile da nord a sud, si ferma bruscamente a Pargua, il porto di partenza per l'arcipelago di Chiloé. Per proseguire è necessario prendere un traghetto che attraversi il Canale Chacao, da dove l'isola è appena visibile all'orizzonte. Le acque profonde, il vento e i 20 gradi del mattino soleggiato invitano alla contemplazione durante i trenta minuti di viaggio. I passeggeri osservano la natura mentre il capitano racconta che sull'isola "in un giorno si attraversano tutte le stagioni dell'anno". 

Nonostante l'apparente isolamento di Chiloé, sull'isola vengono mantenuti standard ambientali internazionali. In questa regione, famosa per le sue chiese in legno, Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, le case colorate e i parchi con una natura rigogliosa e una flora e una fauna intatte, il turismo sostenibile è una realtà.

I palafitos sono uno degli emblemi di Castro, che affascinano i turisti con la loro varietà di forme e colori.

Ne sono un esempio la città di Puqueldón, dove il Comune sostiene il riciclaggio della plastica per incorporarla nei cesti locali, o il noleggio di bicchieri di plastica ai turisti durante le feste tradizionali, dimostrando l'impegno a coniugare l'attenzione all'ambiente con un turismo responsabile. Gli alloggi utilizzano l'energia solare, dispongono di sistemi di riciclaggio e promuovono il turismo rurale come attività che favorisce l'economia locale e sostiene le comunità indigene. 

Il Festival Costumbrista Chilote de Castro, con i suoi prodotti agricoli, l'artigianato e la gastronomia locale, attira visitatori da tutto il Cile e dal mondo. Con 170 espositori di gruppi di quartiere, l'evento offre una varietà di sapori da gustare, dalla maja (sidro di mele), al curanto en hoyo, all'agnello al palo, all'asado de vaquilla, fino al milcao, al chapalele e agli squisiti "calzones rotos" come dessert.

Il Festival Costumbrista Chilote di Castro attira centinaia di turisti che vogliono conoscere le tradizioni dell'isola.

Il sindaco Juan Eduardo Vera spiega che "questo territorio non è chiuso alla globalizzazione, ma mantiene vive le sue tradizioni", perché "una comunità che si prende cura della sua storia rimane viva nel tempo". Ricorda che Castro, la capitale di Chiloé, "lavora per la sostenibilità", il che le è valso la scelta tra le 100 città più verdi del mondo da parte dell'organizzazione Green Destinations nel 2019.

Donne e turismo rurale

Da anni Chiloé promuove un modello di turismo con esperienze autentiche, uno dei cui tratti distintivi è il coinvolgimento delle donne locali. Doris Millán (61 anni), la prima guida turistica dell'etnia Huilliche, sottolinea che "non c'erano guide donne, quindi è stata una grande fatica lavorare". Sottolinea che "cerchiamo di raggiungere tutti i siti di agriturismo rurale di Chiloé, perché dobbiamo diffondere la cultura attraverso la gente di qui". Approfittando della bassa marea, raccoglie cozze e vongole sulla spiaggia di Rilán - situata a mezz'ora di barca da Castro - per un "curanto partecipativo", che viene cucinato dai vicini del settore La Estancia.

Doris Millán (61), insieme ai corrispondenti stranieri dell'agenzia di stampa cinese Xinhua, di EFE e di Deutsche Welle.

Sotto la supervisione di Doris, i turisti diventano raccoglitori, cercando tra le pietre e la sabbia bagnata. Basta sollevare una pietra e appaiono le cozze uncinate; "bisogna pulirle e separarle", dice Doris. Quando il cestino è pieno, dice sorridendo che "nessuno soffre la fame sull'isola, è impossibile" e che "è tutta colpa della Pincoya", una donna della mitologia di Chiloé che danza sulle spiagge e genera abbondanza di pesce.

L'isola sostenibile

Dalla cala di Chonchi è possibile vedere l'isola di Lemuy, oggi abitata da soli quattromila abitanti. La città principale è Puqueldón, che nel 2022 ha ricevuto il premio Best Tourism Village da UN Tourism, un'iniziativa globale che mette in risalto i villaggi turistici che conservano culture e tradizioni, offrono opportunità alla comunità e salvaguardano la biodiversità. Secondo il sindaco Rodrigo Ojeda, "questo premio ha significato un aumento sostanziale del numero di visitatori nel nostro comune e ha creato nuovi posti di lavoro".

Il comune dispone di un centro di riciclaggio dove gli imprenditori locali di Isla Bonita, che raccolgono i rifiuti di plastica sulle spiagge, li trasformano in sottobicchieri che vengono incorporati come base per cesti intrecciati con fibre di piante di manila. Inoltre, la Camera del Turismo del comune promuove pratiche sostenibili negli ostelli, nei campeggi e nei ristoranti, la maggior parte dei quali sono a conduzione familiare.

Centro di riciclaggio per imprenditori locali a Isla Bonita, promosso dal Comune di Puqueldón.

Yolanda Millapichún (Yoli, 62 anni) vive sulla punta dell'isola, a Detif, ed è la custode di 112 semi di patata originari di Chiloé, di cui vende le specie più comuni. Yoli, che è stata dichiarata patrimonio vivente di Lemuy, racconta che svolge questo lavoro da 12 anni e che "è un lavoro molto duro, ma quando vedo i risultati, mi emoziono e dico che questo non può andare perso". Anno dopo anno pianta tre semi di ciascuna delle 112 specie nel suo "Giardino di patate" di cui va tanto fiera. Ogni varietà ha un nome proprio creato dagli stessi abitanti del luogo, come "Meca de gato", "Manuela" o "la Bruja".

Yolanda Millapichún (62) raccoglie patate da oltre 10 anni e il suo lavoro conserva circa 200 varietà diquesto ortaggio.

In questo modo, questo custode di semi contribuisce a preservare le quasi 200 varietà di patate di ogni forma e colore che esistono a Chiloé, collaborando alla conservazione di un territorio la cui gente si prende cura responsabilmente della natura di questo luogo.

Altre notizie correlate
03 maggio 2024 #Cile sostenibile
03 maggio 2024 #Cile sostenibile #Colonne

Newsletter

Immagine del Cile