19 Marzo 2024 #ChileDiverso

Imagen de Chile e il Ministero degli Affari Esteri lanciano la campagna "Cile, paese delle donne", insieme a diverse autorità femminili

Impostazioni di accessibilità

L'opera audiovisiva, che in due settimane ha raggiunto più di 6 milioni di persone in tutto il mondo, ritrae la storia di otto eccezionali donne cilene che si distinguono, per la loro diversità, per le loro azioni e le loro storie di vita che sono un esempio dell'identità delle donne cilene.

Nell'ambito del Mese della Donna, la Fundación Imagen de Chile ha lanciato ufficialmente questo lunedì 18 marzo la campagna "Cile, paese delle donne", in un evento tenutosi presso il Ministero degli Affari Esteri, a cui hanno partecipato autorità governative femminili di varie aree.

"Chile, paese delle donne" – che ha già raggiunto più di 6 milioni di persone nel mondo attraverso diverse piattaforme digitali – cerca di esplorare l'identità delle donne cilene e ciò che le differenzia dal resto del mondo. Sono otto le storie che riflettono questa identità di donne cilene che si distinguono per la loro essenza, il loro modo di essere e le loro azioni, e che fanno scelte di vita di auto-miglioramento, con impegno e audacia, diventando ispirazione ed esempio per molti.

"Questa campagna vuole evidenziare che il Cile è un paese in cui la presenza e il contributo delle donne è fondamentale per definire chi siamo. Alla Fundación Imagen de Chile crediamo che sia qualcosa che dobbiamo mostrare al mondo, e penso che la presenza di così tante donne autorità governative, ministri e sottosegretari, renda chiaro che siamo tutti d'accordo su questo, che questo è un paese di donne e che il contributo e la presenza delle donne è una caratteristica dell'identità del Cile". afferma Rossana Dresdner, direttrice esecutiva della Fundación Imagen de Chile.

Video ufficiale della campagna del Cile, País de Mujeres

Presenti all'evento il Sottosegretario agli Affari Esteri, Gloria de la Fuente; il Ministro della Cultura, delle Arti e del Patrimonio, Carolina Arredondo; il Sottosegretario della Segreteria Generale di Governo, Nicole Cardoch; il Sottosegretario per le Donne e l'Uguaglianza di Genere, Luz Vidal; il Sottosegretario del Segretariato Generale della Presidenza, Macarena Lobos; e Paula Poblete, Sottosegretario alla Valutazione Sociale.

"Più del 50% della popolazione del nostro Paese è costituita da donne, molte delle quali provenienti da diverse parti del nostro Paese e sono una parte importante dell'identità che stiamo costruendo insieme. 'Cile, paese di donne' ha a che fare con ciò che vogliamo proiettare come paese, dove la forza, il talento e l'energia sono messi al servizio di ciò che siamo e stiamo costruendo come comunità", ha dichiarato la sottosegretaria agli Affari Esteri, Gloria de la Fuente.

Da parte sua, il ministro della Cultura, delle Arti e del Patrimonio, Carolina Arredondo, commenta che "la campagna 'Cile, paese delle donne' è fondamentale perché mostra al mondo la diversità delle donne che compongono il nostro paese, quanto siano forti, potenti, impressionanti le donne cilene. Siamo la metà della popolazione, quindi l'immagine del Cile è costruita anche dalle donne che abitano questo meraviglioso paese".

Ayline Rojas, Danisa Urrutia e María Isabel Eitel, in condivisione con Rossana Dresdner, Direttrice Esecutiva della Fundación Imágen de Chile

Al lancio della pietra miliare hanno partecipato anche tre delle otto protagoniste. Danisa Urrutia, direttrice dell'impianto di Añañucas nella Regione di Atacama, il primo sito minerario in Cile gestito esclusivamente da personale femminile; Ayline Rojas, giovane violinista dell'Orchestra Giovanile di La Pintana; e María Isabel Eitel, che da oltre 10 anni è proprietaria del Café Amaranto a Curarrehue, un locale che offre agli abitanti e ai turisti della zona una cucina non convenzionale e profondamente radicata nella cultura cilena. 

Scopri di più sulla nostra campagna Chile, País de Mujeres cliccando qui.

Newsletter

Immagine del Cile