04 novembre 2022 #Cile sostenibile

L'Antartide, un sensore del cambiamento climatico

Impostazioni di accessibilità

Nella Giornata dell'Antartide cilena, vi raccontiamo perché il Continente Bianco è un territorio fondamentale per studiare gli effetti del riscaldamento globale e prevenire gli scenari climatici futuri.  

All'inizio di quest'anno il Cile ha lanciato l'Osservatorio dei cambiamenti climatici, una piattaforma che raccoglie e rende disponibili i dati di una rete di sensori strategicamente posizionati in tutto il Paese, da Visviri nel nord all'Antartide nell'estremo sud, con l'obiettivo di raccogliere informazioni per formulare politiche pubbliche basate su prove scientifiche.

Il Polo Sud è una parte cruciale di questo progetto, in quanto è un regolatore di molti eventi climatici in Cile. Ad esempio, le alte temperature registrate in Antartide nel marzo 2015 hanno coinciso con le inondazioni nella regione di Atacama nella stessa data. Per comprendere la relazione tra questi fenomeni, capire gli effetti del riscaldamento globale sul Continente Bianco e prevenire gli scenari climatici futuri, verranno installati 20 sensori nel territorio antartico cileno.

Nel dicembre 2021, il primo di questi è stato installato presso la base Glaciar Unión. Ad oggi, sono già stati installati 4 sensori nelle basi Profesor Julio Escudero, Yelcho e Teniente Luis Carvajal.

"L'importanza del progetto di dotare la Penisola Antartica di una rete di sensori orientati in senso latitudinale e collegati a un cervello a Punta Arenas è fondamentalmente quella di misurare gli effetti di un fenomeno che ha diverse espressioni fisiche. Le stazioni misureranno molti parametri attraverso sensori molto complessi che registreranno e trasmetteranno in tempo reale temperatura, pressione e parametri più complessi come l'albedo e la radiazione solare. Questo gran numero di sensori collaborerà per costruire immagini di un continente per il quale abbiamo pochissimi dati e che sappiamo avere un'influenza molto forte sul clima globale, ma in particolare in Cile", ha dichiarato il direttore dell'Istituto Antartico Cileno, Marcelo Leppe.

La spina dorsale della rete di sensori antartici si estende per 2.118 chilometri lineari, dalle già citate basi del Professor Julio Escudero alla Stazione Polare Congiunta di Union Glacier, rendendola la rete di sensori permanenti più a sud che il Paese abbia mai installato in Antartide.

Questi dispositivi sono in grado di misurare la velocità e la direzione del vento, la radiazione solare, la temperatura dell'aria, dell'acqua e del suolo, l'umidità relativa, le precipitazioni, la profondità della neve, il livello e la temperatura del mare e altri fattori climatici. Per questi motivi, i sensori sono uno strumento estremamente prezioso per comprendere meglio le dinamiche degli ecosistemi antartici e, a loro volta, per elaborare modelli di sviluppo futuri basati su informazioni scientifiche di qualità.

 

Altre notizie correlate
03 maggio 2024 #Cile sostenibile
03 maggio 2024 #Cile sostenibile #Colonne

Newsletter

Immagine del Cile