20 gennaio 2022 #CileSostenibile

Il Cile diventa un sensore globale con il nuovo Osservatorio sul cambiamento climatico

Impostazioni di accessibilità

L'iniziativa è guidata dal MinCiencia, in collaborazione con i Ministeri degli Affari Esteri e dell'Ambiente. L'archivio digitale ospita più di 30 set di dati aperti e standardizzati su acqua, oceani, atmosfera e criosfera, tra gli altri temi ambientali, disponibili all'indirizzo minciencia.gob.cl.

Dall'Università di Magallanes, a Punta Arenas, il Ministro della Scienza, della Tecnologia, della Conoscenza e dell'Innovazione, Andrés Couve, ha presentato la piattaforma digitale dell'Osservatorio del Cambiamento Climatico (OCC), un progetto senza precedenti che mira a trasformare il Cile in un sensore climatico globale, integrando i sensori installati in tutto il Paese per ottenere da essi dati aperti e standardizzati su acqua, oceani, atmosfera e criosfera, tra gli altri argomenti, che da oggi sono disponibili su occ.minciencia.gob.cl.

L'iniziativa è nata come raccomandazione principale della comunità scientifica, con l'obiettivo di contribuire alla ricerca e al processo decisionale basato sull'evidenza. La piattaforma OCC dispone attualmente di oltre 30 set di dati estratti dalle stazioni di monitoraggio di varie istituzioni pubbliche e private, che coprono il deserto, le valli centrali, le montagne, le foreste nazionali, la Patagonia e il territorio antartico. Va notato che le informazioni sulla piattaforma saranno costantemente aggiornate sul web, dove sarà anche possibile trovare uno storico delle variabili.

"Se si guarda a ciò che accade a livello globale, si può notare che nella parte meridionale dell'America abbiamo poche informazioni, ed è per questo che l'OCC è diventato una necessità e un desiderio della comunità scientifica. A questo progetto hanno partecipato grandi partner strategici, che ci hanno permesso di rendere questa iniziativa oggi disponibile per l'accesso gratuito a tutte le persone", ha spiegato il ministro Couve.

"Siamo fiduciosi che l'OCC, che mira a collegare 8.000 chilometri di territorio tra Visviri e l'Antartide con una serie di sensori, sarà straordinariamente ben accolto dalla comunità internazionale. Le informazioni raccolte forniranno i dati necessari per comprendere, prevedere e proiettare gli effetti, i rischi e le minacce dei cambiamenti nell'ecosistema, consentendo la formulazione di azioni di mitigazione e adattamento per il futuro, sia in Cile che nel mondo, rappresentando un reale contributo alla lotta contro il cambiamento climatico", ha aggiunto il Ministro degli Affari Esteri, Andrés Allamand.

"Come Paese siamo fondamentali per costruire un futuro sostenibile per il nostro pianeta, quindi come Ministero dell'Ambiente siamo pienamente allineati con questa iniziativa che cerca di rendere i dati di dominio pubblico, perché sono input preziosi per i cittadini, il mondo scientifico, il settore produttivo e il governo", ha detto il capo del portafoglio, Javier Naranjo.

Allo stesso modo, il direttore esecutivo di Imagen de Chile, Constanza Cea, ha sottolineato che "secondo il nostro studio sull'orgoglio cileno, le pietre miliari di cui siamo più orgogliosi sono legate alla scienza e alle energie rinnovabili. Questo dimostra un grande interesse per le questioni legate alla scienza, alla cura dell'ambiente e speriamo che anche l'Osservatorio sul cambiamento climatico possa far parte delle pietre miliari di cui siamo più orgogliosi, per il contributo che ci permette di dare alla lotta contro il cambiamento climatico, ma anche e soprattutto per il contributo che vogliamo dare al mondo, che è qualcosa a cui sappiamo che come cileni siamo interessati".

Secondo le autorità, il flusso di informazioni dell'Osservatorio dei cambiamenti climatici è fornito dalle oltre 180 stazioni di monitoraggio appartenenti alle istituzioni che hanno firmato accordi con l'iniziativa: la Direzione meteorologica cilena (DMC); l'Istituto antartico cileno (Inach); il Centro di studi avanzati sulle zone aride (CEAZA); l'Istituto per lo sviluppo della pesca (IFOP) e l'Istituto di ecologia e biodiversità (IEB). A questo gruppo di organizzazioni si sono aggiunte giovedì anche la Direzione Generale dell'Acqua (DGA) e la Sovrintendenza all'Ambiente (SMA), che hanno siglato formalmente la loro incorporazione nell'OCC.

In occasione della presentazione della nuova piattaforma, il Governo ha anche annunciato la formalizzazione della Commissione Consultiva Presidenziale per l'Osservazione dei Cambiamenti Climatici, un organismo che consiglierà l'Esecutivo sull'identificazione e la definizione di standard, sensori e piattaforme per guidare la generazione, l'archiviazione, la gestione e l'accesso ai dati relativi all'osservazione della Terra, un ente in cui è ospitata la governance dell'Osservatorio dei Cambiamenti Climatici e che è composto dai Ministeri degli Affari Esteri, dell'Ambiente e della Scienza, insieme a esperti e team tecnici con esperienza nel settore.

Altre notizie correlate
03 maggio 2024 #Cile sostenibile
03 maggio 2024 #Cile sostenibile #Colonne

Newsletter

Immagine del Cile