30 gennaio 2024 #CileSostenibile

Il Cile e i suoi cieli, all'avanguardia nello studio dell'universo

Impostazioni di accessibilità

L'Osservatorio Vera C. Rubin è uno dei principali progetti che consentiranno al Cile di concentrare più del 50% della capacità astronomica mondiale entro il 2030. Ospiterà la più grande fotocamera digitale del mondo. 

Il nostro Paese è noto per avere uno dei migliori cieli per la ricerca astronomica. Grazie all'Oceano Pacifico e alla Cordigliera delle Ande, i cieli del nord sono caratterizzati da un minor numero di nubi in alta quota, l'atmosfera è poco turbolenta e il clima è molto secco. 

Fare scienza astronomica di livello mondiale. Questo è l'obiettivo e l'eredità che il Cile ha sviluppato in oltre 60 decenni di esplorazione dell'universo, che continua - anno dopo anno - a rinnovarsi e a rafforzarsi. Ne è un esempio il primo osservatorio su scala mondiale installato nel Paese, Cerro Tololo, che ha iniziato i test negli anni '60, è stato inaugurato nel 1976 e attualmente è uno degli osservatori con il maggiore impatto al mondo, misurato dal numero di pubblicazioni scientifiche che genera.

Il Cile è attualmente una base per i telescopi di oltre 30 Paesi e ospita i "telescopi giganti" che mirano a cambiare completamente il modo in cui studiamo l'universo. Secondo le proiezioni della Società cilena di astronomia(Sochias), il nostro Paese rappresenterà circa il 55% della capacità astronomica mondiale entro il 2030.

Imagen de Chile ha visitato con la stampa estera tre telescopi della regione di Coquimbo per conoscere le loro innovazioni e perché il Cile è all'avanguardia nell'esplorazione astronomica.

"Cieli incontaminati" e condizioni sociali, politiche ed economiche

Il nostro Paese è noto per avere uno dei migliori cieli per la ricerca astronomica. Grazie all'Oceano Pacifico e alla Cordigliera delle Ande, i cieli del nord sono caratterizzati da un minor numero di nubi in alta quota, l'atmosfera è poco turbolenta e il clima è molto secco. 

"Le condizioni naturali del Cile, i suoi cieli incontaminati, la sua atmosfera cristallina, ma soprattutto le sue condizioni sociali, politiche ed economiche che sono state garantite in modo trasversale da tutti i suoi governi e dalla popolazione cilena. Si tratta di condizioni molto favorevoli e molto stabili nel tempo, che fanno sì che questi grandi investimenti effettuati dai Paesi dell'emisfero settentrionale continuino a essere fatti nel nostro Paese, con una visione a lungo termine, perché siamo certi che il Cile continuerà a fornire queste condizioni anche in futuro", afferma Alejandra Voigt, direttrice di AURA, il consorzio che costruisce e gestisce strutture di telescopi ottici terrestri di livello mondiale per conto della National Science Foundation (NSF) statunitense.

La "Ferrari dei telescopi

AURA gestisce, tra gli altri, l'Osservatorio Vera C. Rubin, situato sul Cerro Pachón e che entrerà in funzione nel 2025. Definito la "Ferrari dei telescopi", Vera Rubin avrà la più grande fotocamera digitale mai costruita per l'astronomia: peserà quasi 2.800 chilogrammi e avrà 3.200 megapixel. A titolo di confronto, la fotocamera di Cerro Tololo ha 520 megapixel. 

Con uno specchio di 8,4 metri, Vera Rubin creerà un campo visivo eccezionalmente ampio e sarà in grado di mappare l'intero cielo ogni 3-4 notti per rilevare i cambiamenti. Sarà possibile catturare l'intero cielo visibile, equivalente all'area di 40 lune piene in un'unica immagine. 

"È un osservatorio che non ha concorrenti in tutto il mondo, è unico, ha una grande missione per la scienza: capire come funziona l'universo in un sistema dinamico, perché l'universo si muove. Gli altri telescopi possono fotografare un pezzo di cielo. Con Rubin si scatteranno immagini dell'intero cielo ogni 3 giorni e con quelle immagini sarà come avere un filmato dell'universo, grazie al quale potremo capire come funziona l'universo", dice Stuartt Corder, scienziato capo di AURA in Cile e vicedirettore del NOIRLab, il centro di AURA che gestisce i telescopi ottici infrarossi a terra. "È il telescopio più veloce e stabile del mondo", aggiunge. E si trova in Cile.

Newsletter

Immagine del Cile