11 giugno 2024 #CileDiverso

Donne antartiche: sei storie di donne cilene nel Continente Bianco

Impostazioni di accessibilità

A sessant'anni dalla fondazione dell'Istituto Antartico Cileno (INACH), un'istituzione tecnica che sviluppa una ricerca di qualità, segnaliamo sei donne il cui lavoro, la cui scienza e le cui imprese sono legate al territorio antartico. 

Pionieri di una base antartica

Nel 1997, Yasna Ordonez è stata la prima donna cilena ad assumere la direzione di una base antartica . "Mi ha colto di sorpresa, perché questo ruolo era solitamente ricoperto da uomini, ed è stato perché leggevo tutti i rapporti della spedizione scientifica e il mio lavoro mi imponeva di essere al corrente di tutto ciò che accadeva nell'istituzione. 

Da responsabile dell'outreach di INACH, Yasna è passata a dirigere la base Professor Julio Escudero sull'Isola King George, la principale struttura scientifica nazionale in Antartide, dove si è occupata dell'organizzazione di tutte le squadre durante la spedizione di quell'anno e di risolvere le emergenze in un luogo con condizioni climatiche estreme e scarsi collegamenti con il continente. 

L'isola di King George ha un valore importante in termini di collaborazione scientifica internazionale, ospitando basi in Cile, Cina, Russia, Uruguay, Argentina, Corea, Polonia, Perù e Brasile. Yasna ha lavorato all'INACH fino al 2016, quando è andata in pensione dopo 41 anni di servizio.

La "Sirena di ghiaccio 

La nuotatrice Bárbara Hernández ha battuto un Guinness World Record nel febbraio 2023 nuotando per 2,5 chilometri nell'Oceano Antartico, senza muta e a una temperatura di 2,2 gradi Celsius. L'impresa della soprannominata "sirena dei ghiacci" si è svolta nelle acque gelide al largo della base navale di Capitán Arturo Prat, e dopo averla portata a termine ha dovuto affrontare una grave ipotermia. 

Il suo intento era quello di attirare l'attenzione su questo territorio e sensibilizzare l'opinione pubblica sul crollo polare. "Siamo in una corsa contro il tempo. Questo luogo ha bisogno di essere protetto, il nostro intero futuro dipende da esso", afferma l'autrice. Aggiunge che "la geografia dell'Antartide ha subito cambiamenti significativi. In luoghi dove 15 anni fa c'erano campi di ghiaccio, ora c'è fango. È quindi fondamentale garantire che diventi un'area marina protetta il prima possibile".

Dall'aula all'Antartide

Sofía Cerpa si è recata in Antartide quando frequentava la terza elementare alla Saint John's School di Rancagua. Nel 2020, insieme alla compagna di classe Aracelli Galvez e all'insegnante Alex Catalán, ha presentato un progetto di ricerca all'Antarctic School Fair, organizzato da INACH, sugli effetti del cambiamento climatico sul sistema immunitario dei pinguini. Il premio vinto è stato quello di partecipare a una spedizione con gli studenti di Talca e Colina alla base Julio Escudero sull'Isola King George.

"È stata un'esperienza indimenticabile, abbiamo trascorso una settimana in questo luogo e abbiamo accompagnato i ricercatori in servizio, è stato un compito educativo". Hanno osservato animali, raccolto campioni di muschio antartico e navigato fino al ghiacciaio Collins. "Mi ha colpito il fatto che tutte queste persone provenienti da Paesi e ambienti diversi fossero unite dall'amore per la scienza antartica" e "dopo questo viaggio ho deciso di dedicarmi alla scienza, oggi sono al primo anno di medicina".

Esperto di logistica polare 

Wendy Rubio è responsabile delle operazioni del Dipartimento spedizioni di INACH da più di dieci anni , dove ha il compito di coordinare tutti gli spostamenti in Antartide e di fornire il supporto necessario ai ricercatori della Spedizione scientifica in Antartide (ECA). Nell'ultima campagna ha dovuto mobilitare più di 400 persone, dai ricercatori al personale logistico.

Inoltre, questo ingegnere industriale è stato eletto nel 2023 come uno dei cinque vicepresidenti del Council of Managers of National Antarctic Programmes (COMNAP), un organismo internazionale che riunisce annualmente i Paesi firmatari del Trattato Antartico. "La logistica antartica è molto complessa, quindi tendiamo a condividere le esperienze, come i mezzi di trasporto e le informazioni che possono essere utili, ad esempio, per il salvataggio delle persone o per la sicurezza".

Prima donna a guidare la base FACH

Per la prima volta nella storia, una donna ha assunto il comando della base antartica Gabriel González Videla tra il novembre 2023 e il marzo 2024. A quasi 3.000 chilometri dal Polo Sud, il capitano di stormo Francisca Muñoz ha guidato per quattro mesi un gruppo di 14 persone, nove aviatori militari e cinque membri della marina. 

"Mio nonno da parte di madre era un marinaio e ha vissuto a lungo a Puerto Williams. Mi mostrava foto, mi raccontava storie e da lì è nata l'esigenza di andare in Antartide", racconta. I funzionari assegnati all'Antartide devono mantenere la presenza nazionale nel territorio antartico cileno, svolgere lavori di manutenzione, sostenere la ricerca scientifica e collaborare con le attività della Marina cilena presso la Capitaneria di porto di Bahía Paraíso.

"Durante il mio soggiorno alla base, ho sperimentato tutte le condizioni atmosferiche in un giorno, la luce 24 ore su 24 e ho ammirato la fauna", ricorda Muñoz. Il capitano è attualmente assegnato al lavoro di coordinamento e pianificazione presso la base Frei di King George Island.

Studio della flora antartica

Con più di 15 spedizioni nel continente bianco, l'ecofisiologa vegetale, accademica e ricercatrice dell'Università Cattolica di Temuco (UCT), Angélica Casanova, si è specializzata nella flora di questo territorio e negli effetti del cambiamento climatico. Ha potuto dimostrare che "l'aumento della temperatura favorisce la riproduzione di alcuni organismi e il loro adattamento", provando che "c'è un aumento delle popolazioni vegetali a causa del ritiro dei ghiacciai" e che specie come i licheni scompaiono a causa delle ondate di calore. 

Secondo lui, il futuro dell'umanità dipende da ciò che facciamo per proteggere le aree polari. "Lo studio dell'Antartide è molto importante, perché regola il clima del pianeta. Senza l'Antartide, la vita nel mondo non sarebbe possibile, quindi dobbiamo formare nuove persone e lavorare insieme".

Tag

Newsletter

Immagine del Cile